lunedì 2 gennaio 2012

ARCHIVIATI

Archiviati Natale e Capodanno, i bambini sono tornati ieri, nel primissimo pomeriggio, dopo 11 giorni di lontananza da casa. Si sono tuffati sui pacchettini e pacchettoni che Babbo Natale aveva lasciato per loro sotto l'enorme albero, che troneggerà ancora per pochi giorni nella sala, e hanno squarciato le carte regalo. La bicicleta,la macchina fotografica, le costruzioni, i libri, i puzzle, i giochi da tavolo, i dvd...
Per me è il momento di archiviare dieci giorni di uscite e di serate tiratardi. Si torna alla normalità, al tour de force di 12 ore fuori casa quasi tutti i giorni, del nuoto-calcio-nuoto-calcio-cena-compiti-nanna e, nei ritagli di tempo, le xxx, nel silenzio della casa per il sonno dei bambini. I giorni "liberi" dovranno inevitabilmente essere dedicati a quegli impegni non eseguibili con loro.
Certo che le golose briciole di questi scampoli di libertà mi sono andate per traverso.

3 commenti:

  1. eccoli a casa finalmente i tuoi 2 uomini!!! si sente che non vedevi l'ora di riavere gli "uragani" che stravolgono le tue giornate!!
    ma è normale! succede a tutte le mamme credo!
    Manu

    RispondiElimina
  2. Ogni tanto un po di svago ci vuole!! Ma di sicuro i tuoi ometti ti sono mancati!!! Auguri di Buon Anno!!

    RispondiElimina
  3. Si ricomincia!!!
    un abbraccio

    RispondiElimina

I commenti anonimi non sono permessi e pertanto, se effettuati, verranno considerati spam.